L’Acceleratore di impresa dedicato a progetti Space è stato presentato a Matera in anteprima nazionale.
SPARKme è un progetto importante per portare nuova linfa vitale al settore spaziale italiano. La nascita di piccole aziende con idee imprenditoriali innovative è una delle condizioni necessarie per far crescere la Space Economy italiana.
Che questo poi avvenga a Matera vicino al nostro centro di Geodesia Spaziale è un segnale importante per il radicamento nel Sud del settore spaziale, un’eccellenza del Made in Italy destinata ad essere sempre più strategica per lo sviluppo del nostro Paese“. Così Roberto Battistonpresidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, commenta la nascita di SPARKme, il primo acceleratore europeo di imprese dedicato alla Space Economy.
L’iniziativa è promossa da Openet Technologies SpA e cofinanziata l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA).

“Spark me come stimolo alla formazione del personale all’interno delle Aziende aereospaziali è una idea vincente “ Ha sostenuto Il Prof. Luciano Guerriero. Ed ancora:…”… Come promotore del Team Building World Festival, ideato dalla giornalista prof.ssa Antonietta Pignatelli Palladino e da me presentato alla Cittadella Medieterranea della Scienza il 20 Marzo ultimo scorso, non posso che congratularmi con Vito Gaudiano per un abbinamento così originale… Spark me come acceleratore di imprese e Spark me come acceleratore di idee geniali.”

Openet ha investito circa 4 milioni di euro in attività di adeguamento e recupero, di infrastrutturazione e creazione di reti di servizi, trasformando una officina meccanica in un contenitore di innovazione digitale, destinato ad ospitare imprese che saranno selezionate con un bando internazionale. Imprese a cui verranno offerti percorsi di Team.

SPARKme è stato presentato nel corso di una giornata di lavori che mira a raccontare, da punti di vista differenti, l’impatto determinante che la ricerca e gli investimenti spaziali hanno sulla nostra vita quotidiana, ed in particolare anche sul comparto industriale e produttivo del paese. Ne hanno discusso Roberto BattistonPresidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI)Carlo des DoridesDirettore dell’European Global Navigation Satellite System Agency (GNSS)Francesco Feliciani, dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), insieme ai rappresentanti del team di aziende ed istituzioni che hanno partecipato attivamente all’iniziativa. Gli interventi saranno dedicati ad inquadrare il tema dell’Avventura Spaziale in un contesto di programmazione e ricerca, come quello condotto nei grandi centri di ricerca spaziale, ESAASIGNSS Agency, andando poi a verificare l’impatto nel comparto della ricerca in Italia e nel mondo

GIOCOND@ SMILE Academy, che si vanta di avere come Testimonial il Prof. Luciano Guerriero già presidente Asi, propone un percorso di Team Building basato sulla concezione dell’organizzazione aziendale come sistema sociale vivente che incorpora molte idee della biologia, della scienza dei processi cognitivi,della cibernetica, dell’ecologia e dell’economia circolare 4.0.

Il Team Building Space Game prevede la stimolazione ad un approccio sistemico di organizzazione aziendale basato sulla auto organizzazione – biorigenerativa come forma di comunicazione all’interno del team. Conoscere se stessi e il funzionamento della propria mente per conoscere le personali potenzialità tese alla risoluzione creativa dei problemi di ogni giorno lavorativo… per conquistare la virtù della giocondità come portatrice di valore aggiunto in termini di qualità di risultati, di competenze acquisite e di esperienze maturate. Risultato ottimale: riuscire a comprendere l’utilità della comparazione didattica tra reti neurali biologiche, insite in ogni persona, reti organizzative interne al team e reti tecnologiche perseguite nei programmi aziendali onde raggiungere la consapevolezza della maestosità della mente umana come capacità di autogenerazione e auto organizzazione …”…

…”… I nuovi Manager hanno bisogno di Spark come scintilla creativa l’unica che potrà permettere alle Aziende di competere in maniera geniale…- ha sottolineato la prof.ssa ANTONIETTA PIGNATELLI PALLADINO,ideatrice del format Team Building festival – Il metodo sistemico della giocondità ideato da Leonaro da Vinci e da me rivisitato promuove una filosofia semplice per far transitare la mente dall’idea di Gruppo all’Idea di Team.

La gestione dei processi come metodo della Giocondità rispecchia la metafora Spark come SCINTILLA di creatività che sarà finalizzata all’approccio sistemico di organizzazione aziendale proiettato, attraverso l’analisi di costi e benefici, verso un modello matematico utile per “ guardare ogni problema come un tutto, nel contesto, e di confrontare scelte alternative alla luce dei risultati possibili …”.

L’analisi delle strutture di governance sarà focalizzata sulla imitazione di uno schema comune a tutti i sistemi viventi…che si basa sulla necessita’ di comprendere la sua proprietà più importante di sistema a rete. La gestione dei processi sarà focalizzata sulla conquista della virtù sistemica : il team dovrà esercitarsi ad applicare nella vita lavorativa il principio di biomimesi, ad osservare la vita personale, la vita aziendale, come uno schema ( pattern) a rete capace di auto-organizzazione. Sono le conclusioni di una neuro scienziata contemporanea, Janine, Benyus, biologa statunitense, che ha ripreso il metodo sistemico biomimetico inventato da Leonardo da Vinci. La gestione di tali processi sarà supportata da esercitazioni in aula e da paragoni eccellenti con i sistemi biorigenerativi dei programmi spaziali in fase di attuazione a cura dell’ESA, Progetto Melissa, e dell’ASI progetto IBIS. La tecnologia spaziale ha avuto la lungimiranza di sperimentare formule di biomimesi autorganizzantesi (serre spaziali) in assenza di gravità sfruttando le tecniche ideate da Leonarado :BIOMIMESI …da Bios, vita + Mimesis, imitazione, della Natura attraverso l’assimilazione dei processi di sistemi biologici naturali autorganizzantesi. Il team di “costruzione” (building) verterà sulla capacità di emulare lo schema complesso altamente organizzato da Madre Natura, nel regno animale, vegetale,animale e umano per apprezzarne forme, meccanismi d’azione, strategie,da utilizzare per risolvere le sfide di ogni giorno, per trovare le soluzioni più sostenibili ai problemi progettuali e tecnologici della vita lavorativa …”…